Fonologia

Da Pazzanitu.

La fonologia è è quel ramo della grammatica che studia, all'interno d'una certa lingua, i suoni linguistici dal punto di vista della loro funzione (trasmettere significati) e della loro organizzazione in parole, a partire dalle unità distinte di suono, i fonemi.

La trascrizione fonetica prevede l'uso di parentesi quadre, la trascrizione fonematica di barre:

[a] [a:] [æ] [æ:] corrispondono tutte ad:
/a/

Consonanti

Questa è una tabella delle consonanti pazzanite secondo la tabella dell'alfabeto fonetico internazionale.

Consonanti pazzanite secondo l'IPA
Bilabiale Labio-dentale Alveolare Post-alveolare Palatale Velare faringale glottidale
Occlusiva p b t d c ɟ k ɡ
Nasale m n ɲ
Affricativa t͡s d͡z t͡ʃ d͡ʒ
Fricativa f v s ʃ ç ħ h
Trillo r
Laterale l ʎ
Approssimante j w


Questa è una tabella di tutte le consonanti pazzanite con esempi di parole che le contengono.

Consonanti con esempi
IPA Esempi
p puocu, priestu, propiu
pp apposta, appalorati, appardatori
b banca, botta, bumba
bb abballara,
t tella, tuttu, torta
tt fattu, attu
d duva, dinta, dottori
dd caddu
ʧ cincu, ciao, cedevo
cacciara, appccicatu, acciju
ʦ ziu, canzuni, marzu
pizza, mazzu, aziuoni
ʤ angida, giarra, gargia
loggia, buggia, giuvani
ʣ (o z(fricativa)) sbrigara ,zafalijara
pulizzia, polizzia
c chjanu, chjancula, chjò
ɟ nghjacciara, ghjirica, on ghjamu
ɟɟ uogghju, mbruogghju, ghjiru
k cavolu, acutu, chi
kk peccatu,
ɡ gattu, gurna
gg nessuna parola rilevata
f fujira (variabile non sempre) , fivraru, sferrazza
ff affaticatu, affilatu, baffo
v vaju, vota, poveru
vv wagliuni
s sanu
ss uossu, assai,
z (credo solo parole importate dall'italiano)
ʃ sciagara, sciortunatu, sciundutu
ʃʃ casca, coscia
ç χuχara, χumara, χaccara
m manu, mama, campu
mm ammoghjara
ɱ
n puntu, penzara
nn nanna, annu, canna
ŋ ciangira
ɲ agniedu
ɲɲ castagnara,
l pala, latu
ll palluni, milli
r Roma, quattru, muorti
rr burru, carru, terra
ϳ oja, jettaturi, juocu
ʎ lu'''gli'''u
w uomu, uovu, guerra
ħ potiha
h formicula, forza, fungi

/da commentare queste considerazioni/ Sono contrastanti su internet le idee sulla presenza di /z/ (fricativa dentale sonora) in italiano e quindi in pazzanito. La fonologia della lingua italiana di wikipedia dice di si mentre la pagina della fricativa dice di no. Tra l'altro /z/ sembra un suono molto simile a /ʣ/. (poi tra rosa e zarro non vedo differenza di suono)

Vocali e dittonghi

Sistema vocalico siciliano

Il Sistema vocalico è quello di tipo siciliano, come di tutti i dialetti del gruppo meridionale estremo.


Anteriore Centrale Posteriore
Alta (chiusa) i u
Medio-Bassa (semiaperta) ɛ ɔ
Bassa (aperta) a

(aggiungere vocali e dittonghi pazzaniti eliminare quelli presenti solo nell'italiano)

Vocali
IPA Esempi
a aviertu, patra, fessa
e batteru, custurieri,
ɛ vecchja, fessa, vue
i idu, dinta, pipi
o uossu
ɔ occiedu
u umbra, puru,
Dittonghi
IPA Esempi
ai avrai, Giamaica
ei dei (preposizione), quei
ɛi andrei, sei
oi noi, voivoda
ɔi suoi, poi
au pausa, rauco
eu Europa, feudale
ɛu ermeneutico, reuma
ja piano, chiarore
je ateniese, pensieroso
ieri, siepe
jo fiore, secchio
pioggia, ionico
ju p, iucca
wa guado, quando
we quello, guerreggiare
guerra, gueffa
wi qui, acquitrino
wo uomu, uovu
vuoto, suocero

Dittongazione -uo-

La dittongazione 'uo' è tipica della vallata dello Stilaro e della zona delle Serre ad essa limitrofa (Serra San Bruno, Mongiana...)

-uo

es: Uottu, Muortu

Dittongo -ie-

es: Piezzu, Miegghjiu

Apocope

Nella forma vocativa vi è la presenza di apocope, ossia della caduta della sillaba finale. Esempio:

Ah ma! anzichè  mamma
Ah pa! anzichè papà
Ah zi! anzichè zio
Ah Là! anzichè  Lariu
Oh Francè! anzichè  Francescu/Franciscu
Ah Ci! anzichè  Cicciu
Ah Sa! anzichè  Sarvaturi
Ah Co! anzichè Cuoscimu o Cola
Oh Pieppi! o Ah Pè! anzichè peppinu

Epitesi

Il pazzanito. come spesso nei dialetti calabresi, presenta il fenomeno dell'epitesi di una intera sillaba in parole tronche. (definire epitesi e parole tronche). Per lo più la sillaba -na.

Esempio:

None: No
Tuna: Tu
Cana: Qua
Dana: Là
Chjuna: Più
Mona: Ora

Geminazione della consonante iniziale

La consonante iniziale è raddoppiata foneticamente ( ma non ortograficamente) con B, G (/ʤ/ non con /g/) talvolta con Z(/ts/)

esempio:
Geniu /'ʤʤeniu/
Buggia /'bbuʤʤia/
zianu /'tstianu/ (non sono sicuro)

Trigrammi Chj e Ghj

-Chj rappresenta il fono /c/ non presente in italiano. es: Chju, Chjovira, linchjira

doppia: accucchjara

-Ghj rappresenta il fono /ɟ/ e sostituisce il fono /ʎ/ rappresentato in italiano da -Gl es: Nghjacciara: /nɟad͡ʒd͡ʒara/ (la stragrande maggioranza delle parole) doppia: uogghjiu Miegghjiu. /Uoɟɟu/, /Mieɟɟu/

Ortograficamente ad inizio parola il fono /ɟɟ/ si presenta come Ghj: Ghjiru.

v - b (da sistemare)

Una parola con il fono iniziale /v/ davanti a consonante si trasforma nel fono /b/:

vuoghjiu /vuoɟu/, on vuoghjiu /ombuoɟu/
vrazzu /vratstsu/, abbrazzu /abbratstsu/
vi da /vi'da/ , on vi da /ombi'da/

La effe aspirata (da sistemare)

La lettera f corrisponde a tre fonemi : /f/ (fricativa labiodentale sorda) quando è preceduta dalle vocali -i ed -e, (Chi facisti?), /ħ/ (fricativa faringale sorda) quando è preceduta dalle vocali -a, -o ed -u, /mp/ quando è preceduta da consonante.

ca mi fuja u cafè (è preceduta da i e si pronuncia /ħ/ quindi regola nuovamente sbagliata!)

Chi ( /ff/ o /f/ )ficia?

Tu u ( /ħ/ )facisti!

io on mpicia!

mi/ni ( /ħ/ )ficia mala.

La chi greca χ come fono /ç/

Lettera Chi greca, ad indicare un suono che in italiano non esiste e che è identico, per esempio, al 'ch' tedesco in 'Ich' , (io), derivante dal greco.[1] Corrisponde al fonema /ç/ (fricativa palatale sorda).

es: χumara
es: χiuχiara

Metafonia

(prendere informazioni dal Rohlfs in biblioteca)

Fonti

Note

  1. Rohlfs

Voci correlate