Filastrocche

Da Pazzanitu.

Ciceri, ciceri mamma

(questa continua ma non so le strofe)

Ciceri, ciceri mamma
ficiamu a pasta e na mangiamma
mo chi nchjanamma la scala santa
trovamma u fessu pemmu mi campa[1]

Donna Laura mia

Donna Laura mia nessunu duomina
Levativi do riposaturi
mentitivi li caprienti
guardativi dei mala 'ncuntri
ca sa t'aggranci si mingrhijau cu biesti puopulu
e si non curriti cu l'abbundanzia perditi tutta a sustanzia[2]
Signora Laura mia nessuno comanda
Alzatevi dal letto
mettetevi le scarpe
Fate attenzione a cattivi incontri
ha litigato col popolo
e se non correte con l'acqua perdete tutti gli averi

Mo vena Natali

Mo vena Natali
on tiegnu dinari
mi pigghjiu na pippa
e mi mientu a fumari[3]

Filastrocca del silenzio

Passa donna dianora
cu' càntaru nta menzalora
Cu' parra u primu s'ancannola
Nci ciercu i Chjavi a sant'Elìa:
puozzu parrara sulamenta io[4]


Stanotta mi nsonnai

Stanotta mi nsonnai
ch'era prieviti e cumpessai,
cumpessai na monacheda,
santu lampu ch'era beda...[5]
Stanotte ho sognato
Che ero prete e confessavo
confessavo una monachella
Santo lampo quant'era bella

Domana è dominica

Domana è dominica
nci tagghjiamu a testa a Minica
Minica non c'è
ncià tagghjiamu a du rre
u rre è malatu
ncià tagghjamu a du soddatu
u soddatu hfaci' a guerra
mi ssettamu c'u culu cca 'n terra[5]
Domani è Domenica
Gli tagliamo la testa a Minica
Minica non c'è
Gliela tagliamo al re
Il re è malato
gliela tagliamo al soldato
il soldato fa la guerra
Ci sediamo col culo per terra

Tirituppiti cocciu d'agghianda

Tirituppiti cocciu d'agghianda
cconsiti u tuppu ca jhiamu a na vanda
cconsatillu pulitu pulitu ca stasira ti vena lu zitu
cconsatillu ngarbatu ngarbatu ca stasira ti vena u canatu[5].
Tirituppiti pezzo di ghianda
Aggiusta il tappo che andiamo in un posto
sistemalo bene bene che stasera arriva il fidanzato
preparalo con garbo che stasera ti viene il cognato


Ahi, ahi, ahi

Ahi, ahi, ahi
beda mugghjieri chi capitai....
nci ccattai gugghjia e hfilu
m'on na vitta cusira mai...[5]
Ahi, ahi, ahi
bella moglie che mi è capitata
gli ho comprato ago e filo
ma non l'ho vista cucire mai!

Na vota avìa

Quando i bambini chiedevano insistentemente "nu cuntu", spesso gli adulti rispondevano con queste tiritere scherzose:

-Na vota avìa nu viecchju cu na vecchja
chi si pistavunu u culu c'u cuvierchju...
- Na vota c'era nu rre
cu li cavuzzi uguali di me
li buttuni l'avìa de lignu
stativi quieti ca mo' vu ncignu
- Na vota c'era cu' c'era
hfocularu e ciminera
ciminera si sdarrupau
hfocularu s'impittau
- Cuntu, cuntuozzu
cuntu quantu puozzu
quandu on puozzu cchjù
cuntatillu tu[5]


Una volta c'era un vecchio con una vecchia
che si rompevano il culo col coperchio...
Una volta c'era un re
Con i pantaloni uguali a me (ai miei)
I bottoni erano di legno
statevi zitti che ora inizio
Una volta c'era chi c'era
focolare e ciminiera
ciminiera si è distrutta
focolare si è schiacciato
Racconto, raccontosso
racconto quando posso
quando non posso più
raccontatelo tu!

Caru cumpara

Caru cumpara, domana ti mbitu:
port 'a carna cá io mientu 'u spitu;
porta 'u pana c 'o mio è mucatu;
porta 'u vinu c 'o mio mio è acitu;
caru cumpara, domana ti mbitu.[5]

Avìa nu vecchjariedu nte nu stigghju

Avìa nu vecchjariedu nte nu stigghju
chi si lu pettinava lu battagghju
e dà passau na vecchjia cu nu runcigghju:
- O mi lu mienti tuttu o ti lu tagghju![5]

Filastrocca della sarta

U luni luniiai,
marti e miercuri onfilai,
u juovi perdivi a rocca,
u vennari a cercai,
u sabatu a trovai,
a dominica mi riposai.


Tirittuppiti

Tirittuppiti cuocciu d'agghjanda,
CCONZATI U TUPPU CA JAMU A NA VANDA,
CCONZATILLU PULITU PULITU
CA DOMANA T'ARRIVA LU ZITU,
CCONZATILLU NGARBATU NGARBATU
CA DOMANA T'ARRIVA U CANATU.


Cuntu

cuntu cuntuozzu
cuntu quantu puozzu
quando o cuntu chiù
ti lu cunti tu

Note

  1. [Liborio Carullo, 2000]
  2. Liborio Carullo, 2000
  3. Fernando Pagliotta, 2011
  4. Ricordata da Carlotta Demasi 2012
  5. 5,0 5,1 5,2 5,3 5,4 5,5 5,6 Da Carlotta Demasi