Canzoni

Da Pazzanitu.

Canzone della pioggia

Chjova, chjova
a gatta frija l'ova
u surici si marita
cu a cuoppula di sita
Piove piove
la gatta frigge le uova
il topo si sposa
con la coppola di seta

Canzone: Mamma lu zitu passa

Mamma lu zitu passa
cu lu sicarru in bucca
mamma mi fai la cucca
mi vuogghjiu marità
Si ti mariti aguannu
dota non ti nda dugnu
lu zitu è vacabbundu
ti dassa e si nda và[1]


Traduzione:

Mamma il fidanzato passa
con il sigaro in bocca
mamma ti faccio burla (di te)
Mi voglio sposare
Se ti sposi quest'anno
dote non te ne do
il fidanzato è vagabondo
ti lascia e se ne va

Canzone di Santo Rocco

Oh Ruoccu da lu spitali ti ritirasti
tutti l'infermi mandasti pe sanara
ritirati pe pietà di questo male
Oh Ruoccu, lu donu de la mamma ricivisti
lu signu di la cruci, oh Ruoccu santu
ritirati la peste ad ogni cantu
... (ripetizione)
Ti salutu serafinu, ti salutu pellegrinu
ti salutu santu Ruoccu pe la piaga chi puorti u dinuocchjiu
Cuomu Diu te la sanò attia sana la piaga dell'anima mia
Santu Ruoccu lu mio cantu, Santu Ruoccu è nu gran santu
nu gran santu de valori, santu Ruoccu lu protetturi

Traduzione:

Oh Rocco dall'Ospedale sei tornato
tutti gli infermi hai mandato per sanare
ritirati per pietà di questo male
Oh Rocco, il dono dalla mamma hai ricevuto
Il segno della croce, Oh Rocco Santo
togli la peste ad ogni canto
Oh Rocco dall'Ospedale sei tornato (ripetizione)
... (ripetizione)
Ti saluto serafino, ti saluto pellegrino
ti saluto Santo Rocco per la piaga che porti al ginocchio
Come Dio te la sanò a te, sana la piaga dell'anima mia
Santo Rocco e il mio canto, Santo Rocco è un gran santo
Un gran Santo di valore, Santo Rocco il protettore

Canzone di Maria di Monte Stella 1

Canzone di Maria di Monte Stella 2

Volava pe Ruvatti comu na rondinella

T'alluntanasti e mia non mi dicisti nenti
lu seppa delli gienti ca tu non m'ami cchjù.
Ma sappilu ben certu,ca non mi scordu e tia
io su nesciutu pacciu sempa pensandu a tia.
Non sacciu chi ti ficia,mi porti tantu sdegnu
era tantu felici mò sugnu nta nu mpernu.
E do primu mumentu,io forta ti guardai
si tue russietti belli sa facci tua vasai.
E la vasata cara chi riciviu sta vita
fu quandu ni dicisti cuomu si sapurita.
Io no mi scuordu mai chida stagiona bella
volava pe ruvatti comu na rondinella.
RIT:
Io non ma scordu mai chida stagiona bella
volava pe ruvatti comu na rondinella.
E quandu ja mu nbivu a chida funtanella
pe mia no n'era acqua ma Catarini bella.
Io sempa tu dicìa portami duva voi
ca sugnu sempa prontu a li volera toi.
Quandu venìa la sira e ja u ni curcu prestu
pensandu a tia a ruvatti io non avìa rigettu.
E mò sulu ni resta mu m'attaccu coraggiu
ca pe d'amara a tia mi trovu a chistu tagghju.
RIT:
E mo sulu ni resta mu m'attaccu coraggiu
ca pe d'amara a tia ni trovu a chistu tagghju.
Ritorna ntà sti vrazza o Peppinuzzu mio
ti dugnu n'atta stritta stritta a du cori mio[2].

Note

  1. Sentita da Mario Lorenti 2012
  2. Canzone di Mastru Peppinu